Miti del dynamic pricing: cosa c’è di vero?

Miti del dynamic pricing: cosa c’è di vero?

10/18/2021 - Prezzi dinamici

Il dynamic pricing è una tecnica di ottimizzazione dei prezzi sempre più utilizzata da diversi tipi di negozi online, e-commerce e negozi del settore dei servizi che possono adeguare i loro prezzi in ogni momento in funzione dell’offerta e della domanda. Tuttavia esistono dei miti su questa nuova corrente di pricing che fanno sì che non sempre goda della fama che merita. Cosa c’è di vero dietro ai miti che girano sul dynamic pricing?

Mito 1: i prezzi dinamici sono prezzi discriminati

Né più né meno. I prezzi dinamici sono un tipo di strategia di pricing in cui giocano un ruolo anche i prezzi discriminati, ma non dipendono esclusivamente gli uni dagli altri.

Nello specifico, la strategia di prezzi discriminati contempla unicamente la possibilità di offrire prezzi distinti agli utenti in funzione delle caratteristiche più stabili, come il loro comportamento online, la loro origine geografica o il loro profilo demografico. Nel frattempo, il dynamic pricing offre la possibilità di modificare i prezzi in ogni momento secondo le necessità del negozio, il comportamento del mercato e le previsioni di vendita.

In questo caso, il mito nasce perché entrambi i concetti si confondono. Tuttavia, non si contraddicono a vicenda né si ostacolano. In effetti, potremmo dire che il dynamic pricing è proprio un’evoluzione molto più fine e scientifica, che permette al tuo negozio di offrire prezzi quasi personalizzati ai tuoi potenziali acquirenti.

Mito 2: i prezzi dinamici possono danneggiare il mio negozio

È una delle paure più frequenti dell’applicazione del dynamic pricing. Come risponderanno i guadagni del mio negozio se lo metto in pratica? Ebbene, la verità è che per superare questo mito c’è un elemento chiave da salvaguardare: i margini di profitto.

Uno strumento di pricing come Reactev permette proprio di marcare i limiti massimi e minimi che i prezzi di ogni prodotto non devono superare, per garantire un guadagno minimo in ogni vendita. Inoltre, questi possono variare secondo il momento in cui si effettua il loro adeguamento. In questo modo, qualsiasi negozio o e-commerce può mettere in pratica tecniche di dynamic pricing in tutta sicurezza.

Grazie alla natura automatizzata e scientifica del dynamic pricing, il tuo negozio ha il controllo totale sulla propria strategia, definendo le regole su cui stabilire l’ottimizzazione dei prezzi e tracciando il percorso che devono seguire gli indicatori per effettuare i cambiamenti.

Mito 1: i prezzi dinamici sono prezzi discriminati

Mito 3: i prezzi dinamici mettono in confusione gli utenti

Alcuni responsabili di negozio credono che i cambiamenti generati dai prezzi dinamici possano depistare gli utenti, arrivando a provocare dubbi sul comprare o meno il prodotto, perché speranzosi in un abbassamento del prezzo, o per mancanza di fiducia nel negozio online.

Come superare questo possibile scoglio? La chiave sta nell’informare in ogni momento i consumatori che i prezzi del prodotto o del servizio possono essere soggetti a modifiche. Contrariamente a quello che afferma questo mito, gli utenti digitali trattano già con facilità le variazioni di prezzo nelle distinte piattaforme di vendita. In effetti, sono sempre di più coloro che, addirittura, utilizzano propri strumenti per rimanere aggiornati quando appaiono nuove offerte o sull’abbassamento dei prezzi dei prodotti che vogliono comprare.

In realtà, gli e-commerce che utilizzano i prezzi dinamici avvicinano le loro offerte ai potenziali clienti, grazie al riconoscimento delle opportunità in funzione alla temporalità e alla previsione della domanda. È in questi momenti che gli utenti sanno riconoscere perfettamente l’opportunità da prendere al volo per fare l’acquisto al miglior prezzo e in totale sicurezza nel tuo negozio.

Mito 4: il dynamic pricing mi fa perdere il controllo sulla mia strategia dei prezzi

L’ultimo, e forse il più grande mito che gira sul dynamic pricing. La variazione dei prezzi nel catalogo fa sì che molti marketer e stratega di pricing credano che questa strategia faccia perdere loro il controllo sui termini applicati.

Tuttavia, vale esattamente il contrario. Le strategie di dynamic pricing permettono al negozio di marcare il percorso preciso della fluttuazione dei prezzi di ogni prodotto, in modo individualizzato come necessario, e sempre con l’opzione di poter fare gruppi che reagiscano agli stessi schemi.

Infatti, grazie ai dati sulle vendite raccolti a ogni cambiamento, è possibile analizzare e concludere quali sono i prezzi più vantaggiosi per il negozio per essere convertiti in volume di profitti, con la garanzia di farlo prendendo come riferimento dati verificati. Con una strategia di dynamic pricing basata sul price intelligence quindi, con indicatori dei cambiamenti ben definiti, è possibile semplificare i processi delle variazioni dei prezzi di cui il tuo negozio ha bisogno, adattandoli in ogni momento e in maniera immediata alle circostanze del mercato. In questo modo si massimizzano le opportunità di vendita e il loro rendimento.

In definitiva, le tecniche di dynamic pricing hanno molteplici vantaggi per i negozi di vendita digitali. Hai già provato uno strumento come Reactev per metterle in pratica?

Categoria: Prezzi dinamici

Tag: e-commerce, pricing

Condividi questo post:

mariajose.guerrero

Prima soluzione di dynamic pricing progettata da e per retailer