Strategia tradizionale dei prezzi VS strategia dei prezzi dinamici

Strategia tradizionale dei prezzi VS strategia dei prezzi dinamici

11/04/2021 - Prezzi dinamici

L’evoluzione costante dei modelli di acquisto e vendita digitale rende necessaria una revisione della strategia dei prezzi dei negozi online. Le strategie di dynamic pricing semplificano l’adattamento dell’azienda alle nuove tendenze di acquisto e ai periodi promozionali che si producono durante l’anno, come il prossimo Black Friday. Se hai ancora dubbi sul perché una strategia dei prezzi dinamici dovrebbe essere ciò di cui hai bisogno per il tuo negozio e su quali sono le differenze dal pricing tradizionale, te lo spieghiamo qui di seguito.

Prezzi dinamici o ‘customer centric’

A differenza delle strategie dei prezzi tradizionali, possiamo denominare i prezzi dinamici come prezzi ‘customer centric’, quindi prezzi centrati nelle necessità e richieste dell’utente. Il consumatore oggi è più proattivo, grazie ai nuovi canali online utilizzati per accedere ai negozi e ai prodotti desiderati. La ricerca e la comparazione di opzioni ha molto più peso negli acquisti online. Consapevoli di ciò, i retailers che vendono online stanno generando una grande varietà di offerte, quasi infinita, che rende difficile restare innovativi in termini di strategie, limitandosi all’offerta di prodotti nuovi, con prestazioni diverse o riservate a una comunità di utenti esclusiva.

Gli utenti stando segnando i ritmi del mercato, facendo sapere in questo modo quali sono le loro necessità. Per questo gli e-commerce si sono messi in moto automatizzando processi e facendo uso di nuove tecniche per aumentare la loro competitività come lo smart data.
 

Perché passare dai prezzi tradizionali ai prezzi dinamici?

Uno dei miti più grandi del dynamic pricing è che faccia perdere il controllo della strategia ai negozi. Niente di più lontano dalla realtà! Gli innumerevoli casi di successo ottenuti dai venditori online dimostrano che questa strategia influisce in maniera molto positiva sugli e-commerce e sugli altri canali.

Per adeguarsi al nuovo modello di acquisto che vede protagonisti i consumatori online, le strategie dei prezzi dinamici ottimizzano il rendimento del tuo negozio grazie a quattro fattori fondamentali:

  1. La domanda. Conoscendo i picchi stagionali in volumi di vendite viene realizzata una previsione di vendite per adeguarsi alle future richieste degli utenti.
  2. Lo stock. Conoscere le previsioni di vendita ti aiuta ad avere una migliore gestione delle scorte e delle risorse del tuo magazzino. Se prevedi maggiori vendite, puoi decidere di avere o fabbricare una maggior quantità di prodotti per rifornire il mercato senza esaurirli o al contrario, avere un eccesso di unità.
  3. La concorrenza. E se i miei competitor avessero un prezzo più caro o più conveniente del mio? A volte diventa difficile dover analizzare ogni prezzo della concorrenza per definire il tuo. Con Reactev puoi fissare i limiti al di sotto o al di sopra del prezzo della tua concorrenza stabilendo anche di quanto.
  4. Il margine di profitto. Puoi ottenere un alto volume di vendite, ma se il tuo margine di profitto è minimo, probabilmente il tuo e-commerce non è redditizio. Per questo, uno dei punti più importanti è stabilire un margine di profitto minimo per trovare il prezzo ottimale.

Attraverso questi elementi si può calcolare un prezzo ottimale in ogni momento, evitando sovraccosti e approfittando delle opportunità offerte dal mercato.

Come semplificare i cambiamenti nei prezzi dinamici

Come semplificare i cambiamenti nei prezzi dinamici

Le strategie dei prezzi dinamici utilizzano il machine learning, un derivato dell’intelligenza artificiale che impara da ciò che accade per migliorare via via le previsioni e i suggerimenti per i prezzi ottimali. Per ottimizzare la tua strategia dei prezzi hai bisogno di poter contare su uno strumento che semplifichi i calcoli e che non dipenda da una persona che opera manualmente, evitando gli errori umani e risparmiando tempo– tieni presente l’ampio numero di riferimenti che può arrivare ad avere un e-commerce...

Strumenti di pricing come Reactev sono l’alleato perfetto degli e-commerce per fare modifiche massive ai prezzi, in maniera automatizzata o semi-automatizzata. Queste sono le informazioni di cui avrai bisogno per iniziare: 

  1. Margini ammissibili: necessari per stabilire i limiti minimi e massimi che i tuoi prezzi non devono superare.
  2. Sensibilità al prezzo: testa con il tuo proprio strumento di simulazione di pricing qual è il prezzo idoneo dei tuoi prodotti per i tuoi consumatori.
  3. Curva della domanda: conoscere quando si producono picchi e momenti di calma nella domanda permetterà di impostare i prezzi affinché ogni vendita sia redditizia al massimo.

Fissare le regole più adatte per il settore dei prodotti che vendi e per le aspettative dei tuoi potenziali acquirenti ti permetterà di migliorare sia il volume di vendite che di ottimizzare il rendimento delle tue promozioni. In fin dei conti, l’obiettivo finale è massimizzare i profitti in ogni vendita.

Categoria: Prezzi dinamici

Tag: e-commerce, pricing

Condividi questo post:

mariajose.guerrero

Prima soluzione di dynamic pricing progettata da e per retailer