Come trionfare con la discriminazione dei prezzi di secondo grado

Come trionfare con la discriminazione dei prezzi di secondo grado

09/24/2021 - Strategia di prezzo

La discriminazione dei prezzi di secondo grado è una delle strategie di pricing più utilizzate negli e-Commerce. Conta sul vantaggio di potersi adattare perfettamente alle necessità basiche dell’utente grazie alla sua dinamizzazione dei prezzi per volume di acquisto, di poter essere completamente integrata nella gestione di domanda e catalogo del tuo e-Commerce e, inoltre, di non implicare una concettualizzazione negativa per caratteristica di nessun tipo al consumatore. Ti servono altri motivi per metterla in atto? Qui hai qualche esempio di successo.

Discriminazione dei prezzi nella moda: sconti per importo dello scontrino

Gli e-Commerce di moda, tessili e altri accessori sono soliti mettere in atto la discriminazione dei prezzi di secondo grado in due modi:

  1. Incoraggiando l’acquisto di set di pezzi a un prezzo inferiore. A cavallo fra la vendita di confezioni e il cross-selling, la vendita di set a un prezzo più vantaggioso ha due vantaggi chiari per il compratore: sperimentare un’esperienza di maggior valore e approfittare di un prezzo più allettante. Questa strategia è comune negli shop online come Asos, punto di riferimento nella vendita digitale nel Regno Unito.
  2. Offrendo sconti al raggiungimento di un importo. Questo è un tipo di discriminazione dei prezzi più vicino all’ottimizzazione di promozioni negli e-Commerce e permette di convincere l’utente a comprare quel prodotto rispetto al quale può avere ancora dei dubbi, in cambio di uno sconto sull’importo finale. Questa è la strategia chiave degli e-Commerce come Shein, il cui auge è inarrestabile.
Vendita di abbonamenti premium: il successo per software e servizi

La vendita di servizi vanta anch’essa buoni esempi per fare discriminazione dei prezzi di secondo grado. Le versioni complete, premium e business sono un chiaro riferimento per offrire questo acquisto per volume con ciò che non è tangibile.

Quindi, possiamo parlare di:

  1. Adobe Solutions. La sua licenza annuale completa offre un prezzo molto più competitivo rispetto all’acquisto singolo di ciascun software.
  2. Amazon Prime. Questo servizio sfrutta, precisamente, il risparmio dei costi di spedizione per l’utente. Invece che sostenerli ogni volta, l’utente paga una quota annuale che gli permette di dimenticarli.
  3. Spotify Premium. Contando sul suo stesso servizio premium (upselling del piano gratuito), l’acquisizione di un piano familiare, con più conti vincolati, permette di abbassare il prezzo della quota da dividere fra i vari utenti.
  4. Business Class in linee aeree. Il caso più antico di tutti è quello in cui realmente non stiamo facendo una discriminazione dei prezzi per il tipo di utente ma per il resto dei servizi inclusi nella tariffa che acquista: scelta del posto, pasto a bordo, sala di attesa VIP, fast pass, ecc.

In tutti i casi, la chiave del successo di questa discriminazione dei prezzi affonda le radici nel trovare il prezzo perfetto che assicuri la vendita per volume e il cui margine sia sufficiente per ottenere profitti. Un software di price intelligence come quello di Reactev ti permette di assegnare in modo dinamico i prezzi migliori a ciascuno dei tuoi prodotti, analizzare qual è il loro rendimento e fare test con dati scientifici per raggiungere le metriche migliori. Lo hai già provato?

Categoria: Strategia di prezzo

Tag: price bundling, pricing

Condividi questo post:

mariajose.guerrero

Prima soluzione di dynamic pricing progettata da e per retailer